Christian Bobin: “Scrivere è sfiorare il silenzio”

Originally posted on IN PURISSIMO AZZURRO:

christian-bobindi FULVIO PANZERI

Un piccolo caso letterario è rappresentato dai libri dello scrittore francese Christian Bobin, molto amati dai lettori per il carattere metafisico-meditativo che si sviluppa in un racconto che tende alla prosa poetica. Ma al suo autore, purtroppo, manca ancora nel nostro Paese un riconoscimento critico. Pubblicati soprattutto da editori di area cattolica (Francesco e l’infinitamente piccolo da San Paolo, L’uomo che cammina da Qiqajon, Resuscitare da Gribaudi, Elogio del nulla da Servitium eccetera) o in piccole e raffinate edizioni (Folli i miei passi, Socrates), i libri di Christian Bobin tradotti in italiano tendono ad aumentare, al punto che in questi mesi stanno uscendo molti suoi nuovi volumi, che ci raccontano aspetti e viaggi interiori dello scrittore, nato nel 195, a Le Creusot, nella Francia centro-orientale, e divenuto – nonostante la sua riservatezza che lo tiene lontano dagli ambienti letterari – uno degli scrittori più…

View original 577 altre parole

Clausura

Originally posted on IN PURISSIMO AZZURRO:

DSC_3171_largedi FRANCO CASADEI

Anime mute avvolte in grezze lane
cadenze di passi austeri
fra penombre bisbiglianti
di navate e chiostri

al lume di ceri e di un sole
obliquo fra le grate
Dio riempie i dettagli e le fessure,
l’anima scandita da silenzi e salmi

la solitudine
scelta per non sentirsi soli.

(c) Franco Casadei – all rights reserved

View original

Anche il Piccolo Principe legge la Bibbia

Originally posted on IN PURISSIMO AZZURRO:

pp

di Alessandro Zaccuri

Nuove traduzioni, nuove edizioni: sono passate poche settimane dallo scadere del copyright sulle opere di Antoine de Saint-Exupéry (1900-1944) e il suo libro più noto, Il Piccolo Principe, dilaga sugli scaffali. Resi i dovuti onori alla prima versione italiana, realizzata nel lontano 1949 da Nini Bompiani Bregoli, adesso si punta sulla completezza filologica (Mondadori, per esempio, propone un eccellente Oscar curato da Leopoldo Carra), sulla traduzione d’autore (Daria Galateria per Sellerio, Roberto Piumini per Barney, Arnaldo Colasanti per Giunti, Emanuele Trevi per Newton Compton) o sull’originalità delle illustrazioni (Fermento sostituisce le classiche tavole di “Saint-Ex” con i disegni dei bambini di oggi).

Tutto utile, tutto apprezzabile. Ma l’iniziativa più interessante è senza dubbio Il Piccolo Principe commentato con la Bibbia (Ancora, pagine 192, euro 17). Traduce, con bella misura, Vincenzo Canella, religioso dei Fratelli delle Scuole Cristiane, mentre il vasto apparato di note e citazioni è…

View original 572 altre parole

Nella rosa nella spina…

Originally posted on FLANNERY:

10629590_343363142501609_3126405475943177022_n“E’ notte e la prima stella in alto / illumina questo mio reclusorio, / questo mio tempo vivo che esalto / nella trama del lavoro e di preghiera. // Tra poco, mi dico, ancora sarà Natale, / l’incarnato giorno di un bimbo che traspare / nuova luce nella grotta poco ospitale, / nel mondo che non accoglie la parola singolare, / e semina odio e morte e la violenza vivifica. // Ora è chiara la notte, la stella è sparita… / Nell’avvento dell’alba nuova, è fuggita / la sfida del male alla vita. Odo le prime / voci che giungono dal fiume: sento nel cuore, / la speranza certa della favola del Signore.” [continua]

View original

Quelli che hanno conosciuto l’amore

Originally posted on Il mondo di Maria Amata:

(c) Vladimir Kush – all rights reserved

I santi sono quelli che hanno conosciuto l’amore. La santità forse è soltanto questo: l’amore. E l’amore è l’unica faccia della felicità. Forse è per questo che non ci arriviamo mai… Amici luminosi ma irraggiungibili, i santi. Come irraggiungibile è la riva della felicità. Siamo destinati al mare aperto, dove l’attracco è solo un inganno del cuore.

View original

Se tu sei il vento che mi scompiglia i capelli…

Originally posted on Il mondo di Maria Amata:

alda_merini2UN RICORDO DI ALDA MERINI

di Maria Di Lorenzo

Moriva il primo novembre di cinque anni fa a Milano la poetessa Alda Merini. Voce poetica tra le più intense del Novecento italiano, ci ha lasciato splendidi versi di carattere spirituale, muovendo dall’esperienza che aveva segnato fortemente la sua vita, vale a dire la lunga permanenza in manicomio, oltre dieci anni, che furono per lei l’incubatoio di tanti dolori, e di tanti orrori, che l’arte, insieme alla fede, seppe trasfigurare in versi di rara bellezza, rimasti a noi in dono per sempre. Sì, perché la Merini aveva una fortissima fede, dai toni quasi mistici, che mai le venne meno, nonostante le tribolazioni della sua vita, e che anzi è stata il collante di tutto il suo cammino esistenziale.

Una fede che le ha ispirato bellissimi versi dedicati a Cristo e ai santi, come pure a Maria, cui dedicò tante pagine della…

View original 1.204 altre parole

Maria che scioglie i nodi

Originally posted on Il mondo di Maria Amata:

10174877_660990863970090_3612708719306256340_n

di MARIA DI LORENZO

Durante un soggiorno in Germania, dove si era recato per la tesi di dottorato nella seconda metà degli anni Ottanta, l’allora padre gesuita Jorge Bergoglio aveva scoperto un’antica immagine della Vergine, denominata “Colei che scioglie i nodi” (Maria Knotenlöserin), venerata in Baviera, ad Augsburg (Augusta), nella chiesa di San Pietro in Perlach.

E’ un’immagine ricca di significati allegorici, che raffigura Maria nel suo stato di Assunta in cielo mentre con le proprie mani è intenta a districare nodi da un nastro lucente. Il dipinto è della fine del 1600 e padre Jorge se ne innamora al punto da portarne alcune riproduzioni in Argentina. Le distribuisce a sacerdoti e fedeli, dando così vita a una forte venerazione popolare a Buenos Aires.

Col tempo, una pittrice argentina si offrì di fare una copia della stessa immagine per metterla nella cappella dell’Università. La Vergine riceveva così la devozione di…

View original 1.138 altre parole